Home » Cosa è la sagra della cucina regionale

Attenzione!

A causa del maltempo, che ha impedito il regolare svolgimento della XX Sagra della cucina regionale, Sabato 19 Settembre a partire dalla ore 18.00 si svolgerà una riedizione della manifestazione negli spazi antistanti la parrocchia di Santa Maria a Setteville in via Ludovico Muratori n° 40. Al termine dell’evento si svolgerà l’estrazione dei numeri della lotteria.

(Fonte Ufficio Stampa Festa Patronale – 14 settembre 2015)

Cosa è la sagra della cucina regionale

Nata quasi per gioco dieci anni fa, per volontà di don Gino Tedoldi, energico parroco della locale chiesa di Santa Maria, allo scopo di integrare le diverse comunità che vivono a Setteville, originarie di molte regioni d’Italia, è la “Sagra della Cucina Regionale”.
Una festa nella festa, unica nel suo genere, che richiama ogni anno sempre più gente. La particolarità di questa sagra, infatti, è quella di offrire al visitatore, la possibilità di degustare non un piatto tipico, bensì più specialità tipiche delle varie regioni d’Italia, preparate direttamente sul posto, da abitanti di Setteville originari di queste regioni seguendo la tradizionale ricetta ed utilizzando rigorosamente gli ingredienti tipici delle ricette tradizionali. È dunque come fare in una serata il giro d’Italia, passando da una regione all’altre nel breve lasso di tempo pochi minuti. Ogni stand rappresentativo di una regione, offre ai visitatori un pasto completo che va dal primo al dolce. Una vera novità insomma, qualcosa di unico che oltre che richiamare ogni anno sempre più gente, ha permesso nel corso degli anni di far crescere “l’unità ed il senso di appartenenza ad una comunità che prima non esisteva tra gli abitanti di Setteville” – spiega don Gino Tedoldi. Oggi grazie a questa e ad altre numerose iniziative sia a fine turistico e culturale che a fine sociale, fortemente volute da don Gino, il borgo di Setteville, non è più un dormitorio di Roma, ma una realtà viva ed energica, fatta di varie comunità (umbri, marchigiani, siciliani, calabresi, veneti, campani ecc.) che vivono e lavorano assieme per migliorare il Setteville.